Blue Mountains con FelipaBelieves, la seconda parte

Blue Mountains, la seconda parte (qui trovi la prima parte)

Nell’articolo precedente abbiamo parlato della prima parte del nostro percorso, da Echo Point all’interno delle Three Sisters. Eravamo rimasti alla pausa pranzo, giusto?

Bene, una volta tornati dalla scarpinata sulla Giant Stairway, ci siamo fermati a pranzare riparati sotto una specie terrazza su Echo Point. Mentre camminavamo, infatti, il tempo era decisamente peggiorato: le nuvole si erano abbassate, rendendo una giornata tutt’altro che limpida di partenza completamente plumbea. La pioggia non era forte… Sembrava più di stare sotto un nebulizzatore, uno di quelli dei parchi giochi, che ti sporca gli occhiali e ti inumidisce i capelli ma non batte con prepotenza sul tuo ombrello.

Blue Mountains 11

Dopo esserci rifocillati con un paio di tramezzini e un po’ di cioccolata, abbiamo riempito le borracce e ci siamo rimessi in marcia, questa volta dalla parte opposta, diretti alle Katoomba Falls. Ed è stato qui che il paesaggio si è fatto davvero interessante. Un po’ per l’acqua, un po’ perché il percorso era decisamente più difficile, in questa seconda parte abbiamo incontrato molte meno persone, e abbiamo quindi avuto il tempo e lo spazio di cazzeggiare un po’ di più, arrampicandoci sulle rocce e cantando sotto la pioggia.

Blue Mountains 15

Blue Mountains 14

 

 

 

 

Non riuscivamo a vedere ad un palmo dal nostro naso, eravamo circondati da questa specie di nebbia lattiginosa che sembrava volerci divorare ad ogni passo che facevamo. Ogni tanto, dal sentiero, si intravedevano dei rami dall’aria sinistra perforare quei batuffoli di lanugine, cosa che contribuiva a rendere lo spettacolo ancora più spettrale.

Blue Mountains 12

Abbiamo camminato per quasi tre ore, senza incontrare quasi nessuno, siamo passati sotto Scenic World, la funivia con il pavimento di vetro che collega le Blue Mountains con la valle, e abbiamo inspirato a fondo l’aria inebriata dall’aroma pungente ed oleoso degli alberi di eucalipto. Eravamo stanchi e completamente fradici, le Katoomba Falls sembravano non arrivare mai.

Ma ad un certo punto, giriamo una curva, ed eccola lì: in lontananza riusciamo a scorgere la cascata. Io mi metto a correre e quasi mi scapicollo giù da una scalinata, ma subito mi blocco, spiazzata dalla vista delle Katoomba Falls.

Blue Mountains 13Non so bene come spiegarlo, ma dopo questa lunga e tortuosa marcia, guardare quella piccola cascata sotto la pioggia, bagnata, sudata ed esausta, mi ha quasi fatto commuovere. Non era grande o particolarmente maestosa, e nemmeno si trattava della più famosa delle Blue Mountains, ma  il pensiero di quell’acqua che scivolava ininterrottamente, levigando le rocce, ha avuto un effetto catartico sul mio stato d’animo: all’improvviso ero di nuovo piena di energie, felice di essere lì, felice di aver camminato tutto il giorno. Avevamo raggiunto la nostra meta e tanto mi bastava.

Qui ci siamo fermati per un’oretta, bevendo acqua e godendo della bellezza tropicale di ciò che ci circondava.

Blue Mountains Collage 2Poi si sa, il ritorno è sempre più breve, quindi siamo rientrati velocemente a Echo Point, abbiamo comprato un paio di cartoline (sì, io spedisco ancora le cartoline 😀 ), abbiamo preso al volo la navetta che ci ha portato alla stazione di Katoomba e da lì il treno per Sydney.

La nostra è stata un’escursione un po’ alla buona, organizzata su due piedi, senza contare che il tempo non era proprio favorevolissimo, quindi ci siamo dati delle mete e abbiamo camminato per conto nostro, ma ci sono migliaia di attività che si possono fare alle Blue Mountains: tour organizzati, passeggiate a cavallo, arrampicate e anche antichi cammini spirituali sulle orme di quelli aborigeni. Basta solo cercare un po’ su internet e, con un centinaio di dollari, si è risolta la giornata!

Se dovessi trovarti in Australia, più precisamente nel Nuovo Galles del Sud, non puoi non farci un salto! 🙂

Spero che il racconto della mia giornata ti abbia interessato e ti abbia fatto venire voglia di andarci, ricordati di seguirmi anche su Facebook e Instagram!

Cheers 🙂

FelipaBelieves

 

Leave a Reply